Come vivere esentasse in Spagna con il regime fiscale degli impatriati

15 MIN

PUBBLICATO IL: 19/01/2024

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 19/01/2024

Come vivere esentasse in Spagna con il regime fiscale degli impatriati

Spesso, quando pensiamo all’Europa, la Spagna viene subito in mente: la voglia di assaporare tapas e paella e di assistere a partite di calcio nei vivaci stadi. Ma oltre a una cucina incredibile, un clima fantastico (con inverni più miti!) e una lingua simile alla nostra, la Spagna offre un regime fiscale per gli impatriati (o Legge degli Impatriati) che può aiutarti a risparmiare sul carico fiscale.

È importante sottolineare che il paese ha una delle aliquote fiscali più alte d’Europa, che può arrivare al 47% sull’imposta sul reddito a livello personale (chiaramente per chi è fuori dal regime). Quindi, se c’è un modo per alleggerire questo peso, Senzastato è qui per aiutarti!

Una bandera ondeando

Descripción generada automáticamente

Una via d’uscita, diverse vie d’entrata

Ci sono due chiare tendenze nei clienti che si rivolgono a noi:

Da un lato, ci sono coloro che vivono nei Paesi europei e sono desiderosi di andarsene in Paesi più liberi, meno “progressisti” e “statalisti” in America, Africa o Asia.

La pressione fiscale è una delle ragioni principali, ma anche l’avanzata del socialismo e il declino della libertà che esiste nei Paesi europei in generale e nell’Unione Europea in particolare.

Naturalmente, ci sono anche casi di persone alla ricerca di nuove opportunità economiche, di un costo della vita più basso, di un clima invernale migliore o di una vita meno regolamentata e meno burocratizzata.

D’altro canto, abbiamo clienti extraeuropei che, stanchi dell’instabilità e del caos che spesso regna nei Paesi dell’America Latina, vogliono emigrare e vivere in un Paese europeo.

In molti casi, ovviamente, la scelta ricade sulla Spagna, sia per la lingua che per il clima e lo stile di vita.

La sicurezza, la qualità della vita, le infrastrutture, la vita culturale, l’istruzione, gli stipendi più alti e la moneta forte sono alcuni dei tanti motivi per cui i nostri clienti vogliono fare le valigie e chiamare la Spagna casa dolce casa.

Un grupo de personas en una playa junto a una roca en el agua

Descripción generada automáticamente con confianza media

Il Regime Fiscale per gli Impatriati in Spagna (Legge Beckham)

Abbiamo già pubblicato un articolo su questo argomento sul nostro blog.

Introdotto per la prima volta nel 2005, questo regime – ufficialmente parte dell’Articolo 93 della Legge sulle Imposte sul Reddito – ha preso il nome dal famoso calciatore David Beckham perché è stato uno dei primi a trarne beneficio.

Inizialmente, la legge aveva lo scopo di attirare manodopera straniera, consentendo loro di pagare le tasse solo sui redditi ottenuti in Spagna e non su quelli ottenuti all’estero.

Oggi, anche chi non gioca a calcio può beneficiare di questa configurazione. Il Regime Fiscale per gli Impatriati in Spagna è aperto a chiunque si trasferisca in Spagna, indipendentemente dalla nazionalità – persino cittadini al di fuori dell’Unione Europea. L’importante è che tutti i requisiti del regime siano soddisfatti.

Ecco le richieste:

  1. Residenza Fiscale Spagnola: Non puoi essere stato residente fiscale in Spagna negli ultimi cinque anni (precedentemente, dieci anni). La Legge Start Up (Legge 28/2022 del 21 dicembre) ha apportato alcune modifiche a questo Regime Fiscale per gli Impatriati, riducendo a metà il periodo richiesto di non residenza in Spagna e aprendo le porte a lavoratori, imprenditori e professionisti remoti, compresi coniugi e figli di età inferiore ai 25 anni.
  2. Assenza di reddito da stabile organizzazione in Spagna: Ciò si applica a meno che tu stia richiedendo come parte di un “attività imprenditoriale” o come un “professionista qualificato”.
  3. Motivo giustificabile per il trasferimento in Spagna: E ciò si estende a quattro opzioni:
    • Contratto di lavoro con un datore di lavoro spagnolo o trasferimento internazionale, compreso il lavoro remoto (Legge 14/2013 del 27 settembre);
    • Amministrazione e gestione di un’azienda spagnola; se è una società detentrice di beni, non può essere una società correlata (cioè non può essere tua, né di un parente tuo, né di un’azienda in cui detieni più del 25%);
    • Svolgimento di un’attività economica in Spagna che si qualifica come attività imprenditoriale (Articolo 70 della Legge 14/2013, del 27 settembre);
    • Svolgimento di attività economiche da parte di professionisti altamente qualificati in startup o nei settori di formazione, ricerca, sviluppo e innovazione in Spagna, con una remunerazione che supera il 40% del reddito totale (Legge 28/2022 del 21 dicembre).

In teoria, la natura del lavoro che svolgi dovrebbe giustificare il tuo trasferimento in Spagna. Ad esempio, potresti creare un’azienda spagnola per espandere la tua attività nel territorio spagnolo e assumerti come amministratore. Un buon punto di partenza potrebbe essere ottenere un visto da Nomade Digitale con un lavoro completamente remoto – ne parleremo presto!

Alcuni dei molti benefici della Legge Beckham

In generale, sfruttando questo regime, sei considerato un residente fiscale in Spagna, ma sei tassato solo come “non residente” sui redditi che guadagni nel paese. Tale reddito è tassato a un’aliquota fissa del 24% per i primi €600.000 di reddito (una considerevole riduzione rispetto alle aliquote fiscali generali che possono arrivare al 47% a partire da €300.000 per i residenti normali, come abbiamo menzionato all’inizio di questo testo).

Oltre €601.000, l’aliquota fiscale è del 47%. Quindi, è in certo modo intelligente assicurarsi che il tuo stipendio non sia troppo elevato. Redditi e guadagni di capitale di origine spagnola sono tassati in base alla Legge IRPF, ossia il 19% fino a €6.000, il 21% da 6 a 50 mila, il 23% da 50 a 200 mila, il 27% da 200 a 300 mila e il 28% oltre 300 mila.

Se hai redditi generati all’estero, non sarai tenuto a pagarvi le tasse in Spagna. Ciò può includere redditi da investimenti immobiliari in altri paesi, guadagni di capitale dalla vendita di azioni o proprietà all’estero, dividendi e persino redditi da attività economiche straniere (ad esempio, potresti avere una LLC negli Stati Uniti o un’azienda a Dubai).

Hai sempre l’opzione di “uscire” dal regime nel caso in cui il tuo reddito cambi o nel caso in cui cambi idea dopo un certo periodo. Le nostre consulenze sono sempre qui per aiutarti.

L’unica considerazione che non è possibile evitare è il contributo alla previdenza sociale: questo dovrà essere pagato come se fossi impiegato normalmente nel paese senza il vantaggio del regime fiscale e senza la possibilità di dedurre la spesa.

Un edificio antiguo

Descripción generada automáticamente

Bene, parlando di svantaggi…

Non vogliamo trascurare alcune complicazioni che questa legge spagnola potrebbe comportare.

Considerando le attuali condizioni del regime, è molto probabile che l’agenzia delle entrate spagnola non emetta una certificazione fiscale per scopi di accordi contro la doppia imposizione.

Un altro svantaggio è che, scegliendo di essere tassato come non residente in Spagna sotto il Regime Fiscale per gli Impatriati, non avrai accesso a alcuni vantaggi fiscali riservati ai “residenti”. Questo include esenzioni fiscali per determinate soglie di reddito minime, l’impossibilità di dedurre alcune spese, come deduzioni familiari o contributi previdenziali, e l’esenzione fiscale in alcune situazioni, come nelle indennità.

E questa potrebbe cogliere alcuni di sorpresa, ma potresti anche essere escluso dal regime se non soddisfi più le condizioni richieste. In tal caso, verrai rimosso dal beneficio a partire dal 1° gennaio dell’anno in cui le condizioni non sono più soddisfatte.

Per un’uscita volontaria, devi inviare una richiesta tra novembre e dicembre dell’anno precedente. Per rientrare nel regime, il requisito è che tu abbia vissuto al di fuori della Spagna per almeno cinque anni – si applicano le stesse condizioni menzionate sopra.

Come funziona

Bene, supponendo che i requisiti per l’approvazione nell’ambito della Legge Beckham siano soddisfatti, il primo passo è recarsi in Spagna con un contratto di lavoro in mano. Non è sufficiente arrivare all’immigrazione e dire che “si vuole cercare lavoro localmente”.

Il paese deve diventare la tua residenza principale e da lì in poi devi viverci legalmente. Possiamo certamente aiutarti a ottenere un visto Nomade Digitale. Un modo per comprovare ciò è ottenere un NIE (Número de Identificación de Extranjero): un numero obbligatorio per tutti gli impatriati che vivono in Spagna, simile al nostro CPF – essenziale per la dichiarazione dei redditi. Noi possiamo aiutarti.

Fatto ciò, puoi finalmente richiedere il Regime Fiscale Para Expatriados entro sei mesi dall’inizio della tua attività in Spagna. Compila al modulo 149 e ricorda di registrarti nella previdenza sociale.

Dovrai fornire informazioni sul tuo lavoro nel paese, come la certificazione del rapporto di lavoro e la data di inizio delle attività. Se il trasferimento è effettuato da un’entità straniera, sarà necessario mostrare la lettera di trasferimento. Se sei direttore di un’azienda locale, avrai bisogno di un documento che attesti la tua posizione nell’azienda.

Ora devi solo aspettare la conferma!

Ricordati di menzionare nella tua prima dichiarazione dei redditi che desideri usufruire del Regime Fiscale Para Expatriados, compilando il modulo 151. Solo dopo la presentazione e l’approvazione ufficiale saranno disponibili i vantaggi fiscali.

Ovviamente, tutto funziona in modo semplice e legale solo se sei e rimani idoneo rispettando i requisiti del programma e seguendo quanto menzionato sopra (richiesta di NIE, dichiarazione dei redditi, presentazione dei moduli corretti, aver effettivamente la residenza in Spagna, ecc.). Inoltre, qualsiasi indicazione di evasione fiscale o frode fiscale potrebbe comportare il rifiuto dell’accesso al regime.

Il visto da “Nomade Digitale” in Spagna

Questo visto (Legge 14/2013) fa parte integrante della Legge sulle Start-up e può essere un ottimo modo per ottimizzare le tasse; quando combinato con il Regime Fiscale per gli Impatriati, offre vantaggi fiscali per sei anni.

Se sei un dipendente, devi comprovare il tuo legame lavorativo (basta ottenere una lettera dal tuo datore di lavoro che conferma che lavori in remoto). Se sei proprietario di un’azienda, devi presentare un certificato di registrazione commerciale che mostri la data di fondazione e l’attività dell’azienda, oltre a una dichiarazione fiscale precedente. Come libero professionista, è necessario lavorare per almeno un’azienda al di fuori della Spagna e comprovare la tua attività attraverso fatture o contratti con i tuoi clienti, dimostrando la possibilità di lavorare da remoto. Nota che come libero professionista, puoi persino avere fino al 20% del tuo reddito proveniente da aziende spagnole.

Sapevi che puoi aprire una LLC negli Stati Uniti esente da imposte o un’azienda a Dubai con Senzastato e, dopo alcuni mesi, richiedere il visto?

I requisiti per il visto sono chiari: non avere già una cittadinanza dell’Unione Europea, devi lavorare al 100% in remoto per aziende al di fuori della Spagna e comprovare la tua qualifica accademica o esperienza professionale. Inoltre, è necessario avere un’assicurazione sanitaria valida in Spagna e mezzi finanziari sufficienti per sostenerti nel paese.

Una plaza con gente y edificios de fondo

Descripción generada automáticamente

Il processo per ottenere il visto da Nomade Digitale è relativamente semplice:

  1. Innanzitutto, scarica e compila il modulo di domanda e raccogli tutta la documentazione necessaria, come passaporto valido, certificato penale recente, assicurazione sanitaria, prova di reddito e lavoro remoto (una somma equivalente a circa il 200% del salario minimo spagnolo – attualmente intorno a €30.250 all’anno).
  2. Prenota un appuntamento presso l’ambasciata o il consolato spagnolo più vicino per consegnare la tua domanda. Importante: avrai anche bisogno di un NIE qui.
  3. Dopo aver pagato la tassa di domanda, devi solo aspettare. Se tutto è corretto, il tuo visto sarà approvato. È valido per un anno, ma può essere rinnovato annualmente o convertito in un permesso di residenza triennale. Dopo cinque anni, è possibile richiedere un visto permanente. Tieni presente che il rinnovo non è automatico e richiede una riesame della situazione finanziaria del titolare (tu!) e il rispetto di altre condizioni.

Ah, e se sei in Spagna con un visto turistico o simile al momento della richiesta di questo visto, nessun problema – a patto che il tuo soggiorno sia legale.

Il visto da Nomade Digitale non ti impedisce di richiedere altri visti spagnoli. È disponibile anche per i membri della tua famiglia, con te come richiedente principale. Tuttavia, è importante notare che ci sono requisiti specifici di reddito aggiuntivi per ogni membro della famiglia (75% in più – €22.688 per il coniuge e 25% – €7.563 per ogni figlio).

Questa è un’opportunità unica per vivere in Spagna, approfittando dei vantaggi fiscali e della possibilità di lavorare da remoto, cambiando la tua qualità di vita e cercando nuovi orizzonti. Se hai bisogno di aiuto con il processo, siamo qui per questo!

Oltre al visto da Nomade Digitale, ci sono altre modalità per ottenere un permesso di soggiorno in Spagna, come il Golden Visa – un visto per investimento (circa 500.000 euro) – o il permesso di soggiorno senza scopo di lucro.

Questo visto può essere il primo passo per richiedere il Regime Fiscale per gli Impatriati (Régimen de Impatriados). Inoltre, questo periodo di permanenza in Spagna come Nomade Digitale conta come tempo vissuto nel paese per ottenere la cittadinanza.

Virando Spagnolo

Diversificare a livello internazionale non significa solo aprire conti bancari o acquisire residenze e visti per accedere a regimi fiscali. Uno dei pilastri della Teoria delle Bandiere è la questione della cittadinanza. Se hai la fortuna di avere qualche parente che ti garantisca l’accesso a un secondo passaporto – meraviglioso! Ma questa non è l’unica forma di diventare cittadino di un paese.

Una cittadinanza aggiuntiva di solito apre porte a più opportunità in tutto il mondo.

Un passaporto spagnolo – e quindi un passaporto europeo – è uno dei più “potenti” che puoi avere oggi, offrendo accesso a 178 paesi. Con esso, hai la libertà di entrare in 133 paesi senza la necessità di un visto preventivo e in 43 paesi con l’opzione di ottenere un visto all’arrivo. Ciò significa una straordinaria facilità per i viaggi internazionali, aprendo le porte per esplorare il mondo con meno restrizioni burocratiche. Inoltre, hai la libertà di andare, venire e rimanere nell’Unione Europea (Area Schengen) per il tempo che desideri.

Per ottenere la cittadinanza spagnola, è necessario vivere legalmente in Spagna per 10 anni. D’altra parte, se sei sposato con un cittadino spagnolo, puoi richiedere la cittadinanza dopo solo un anno di residenza legale. Allo stesso modo, se tuo figlio è nato in Spagna, puoi richiedere la sua cittadinanza dopo un anno.

Una torre de un edificio

Descripción generada automáticamente

Il tempo “vissuto in Spagna” sotto il Regime Fiscale per gli Impatriati conta nel processo di naturalizzazione – lo stesso vale per il visto da Nomade Digitale.

Sebbene non dettagliamo qui le procedure per ottenere il passaporto spagnolo, offriamo un’Enciclopedia delle Seconde Cittadinanze con ulteriori informazioni, e i nostri partner possono assisterti nella domanda e ottenimento della cittadinanza.

Inoltre, possiamo aiutarti in una varietà di attività – dalla richiesta del Regime Fiscale per gli Impatriati, alla dichiarazione dei redditi, alla richiesta del NIE, agli investimenti immobiliari, all’apertura di aziende in qualsiasi parte del mondo e persino nelle Zone Speciali della Spagna – come le Canarie con il 4% di imposte.

Di seguito sono riportati alcuni prezzi dei nostri servizi legati allo schema spagnolo, che devono essere confermati individualmente:

  • Domanda per il Regime Fiscale per gli Impatriati, inclusa consulenza fiscale: tra €3.000 e €4.000
  • Visto da Nomade Digitale: €2.900
  • Compilazione del modulo 149: €600
  • Visto da Investitore, incluso il Golden Visa e consulenza fiscale: €3.350
  • Ottenimento del NIE a distanza: €450

Per ulteriori informazioni visita la pagina Spagna.

Un castillo grande

Descripción generada automáticamente

Domande frequenti sul Regime Fiscale per gli Impatriati in Spagna

Gli anni vissuti sotto il Regime Fiscale per gli Impatriati contano per la tassazione all’uscita (exit tax)?

  • Sì, contano. In realtà, sei considerato residente fiscale, con il vantaggio di dichiarare il tuo reddito da lavoro come non residente.

È vero che pago solo le tasse sul reddito ottenuto in Spagna?

  • No, non è vero. Paghi le tasse sul reddito da lavoro nazionale e internazionale, ma per guadagni di capitale e redditi da capitale solo quelli ottenuti in Spagna.

È necessario dichiarare gli asset all’estero?

  • No, non è necessario compilare il modulo 720 per dichiarare gli asset all’estero.

Posso richiedere un certificato fiscale e beneficiare degli accordi contro la doppia imposizione firmati dalla Spagna?

  • Anche se sei considerato residente fiscale, non hai accesso agli accordi firmati dalla Spagna.

È necessario pagare l’imposta sulla ricchezza o sulle grandi fortune?

  • Non paghi l’imposta sulla ricchezza o sulle grandi fortune sui tuoi asset esteri, ma paghi sugli asset situati in Spagna.

Posso utilizzare la mia LLC personale e non pagare le tasse sul reddito estero?

  • Sì, in linea di principio, è possibile utilizzare una LLC per non pagare le tasse sui redditi delle attività economiche. Tuttavia, è importante non essere il manager/amministratore e che il lavoro venga svolto fuori dalla Spagna.

Come posso essere sicuro di beneficiare del Regime Fiscale per gli Impatriati?

  • Dal momento che soddisfi i requisiti e sei in grado di dimostrarlo, probabilmente sarai accettato nel regime. Tuttavia, “errori” e il mancato rispetto dei requisiti possono portare alla disqualifica, quindi è consigliabile affidarsi a un esperto.

Se mi qualifico per il Regime Fiscale per gli Impatriati, la mia famiglia può beneficiarne?

  • Sì, il tuo coniuge e i dipendenti di età inferiore ai 25 anni possono candidarsi.

Il regime si attiva automaticamente se soddisfo i requisiti?

  • No, devi richiedere l’adesione al regime entro un periodo massimo di sei mesi dalla data di registrazione nel sistema di previdenza sociale spagnolo.

Per quanto tempo posso beneficiare del regime?

  • Puoi usufruire del Regime Fiscale per gli Impatriati per cinque anni, più l’anno in cui ti iscrivi (totale sei anni).

E se perdo il mio lavoro?

  • Se perdi il tuo lavoro, potrai comunque beneficiare del regime, anche se rimani disoccupato e non trovi un altro impiego. Basta dimostrare di esserti trasferito in Spagna per motivi di lavoro.
Una torre alta de un edificio

Descripción generada automáticamente

Conclusione: Vale la Pena Vivere in Spagna con il Regime degli Impatriati?

La Spagna si presenta come un’opzione interessante per coloro che cercano una nuova vita in Europa e per coloro che, pur vivendo in Europa, vogliono pagare meno tasse specialmente sotto l’attrattivo Regime Fiscale per gli Impatriati.

Questo schema offre notevoli vantaggi fiscali per un periodo di sei anni – un vantaggio significativo per i professionisti che desiderano ottimizzare le loro tasse, che siano nomadi digitali o residenti impatriati.

Sotto questo regime – anche conosciuto come Legge Beckham – sei considerato un residente fiscale in Spagna, ma sei tassato come non residente sul reddito guadagnato nel paese.

Ciò significa che il tuo reddito è tassato ad un’aliquota fissa del 24% fino a €600.000, significativamente inferiore alle tariffe generali per i residenti normali, che possono arrivare al 47%. Le tue entrate passive provenienti dall’estero sono completamente esentasse.

Inoltre, questo periodo conta per la durata del processo di naturalizzazione, rendendo la Spagna e questo schema ancora più attraenti.

È importante sottolineare che esiste sempre la possibilità di uscire dal regime, nel caso ci siano cambiamenti nella tua situazione finanziaria o nei tuoi piani futuri.

Se volete essere aiutati a strutturare legalmente la vostra vita esentasse in Spagna, prenotate una consulenza e vi aiuteremo a fare la vostra scelta.

Se volete essere sempre aggiornati sugli ultimi contenuti, potete seguirci su Instagram o Facebook.

Perché la tua vita ti appartiene!

Ti é piaciuto l’articolo? Condividilo!

team

Senzastato

Siamo un team internazionale di imprenditori, nomadi digitali e consulenti specializzati in strategie di internazionalizzazione. Ti aiuteremo non solo a preparare un piano per raggiungere i tuoi obiettivi e a chiarire i tuoi dubbi ma anche a farlo diventare realtà.

Ti potrebbe interessare…

Ti potrebbe interessare…

Page with Progress Bar

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai il nostro e-book gratuito “Introduzione all’ottimizzazione fiscalee un buono sconto di 10 $.