Dubai dopo la riforma fiscale: le nuove tasse negli EAU

24 MIN

PUBBLICATO IL: 28/08/2023

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 11/09/2023

Emirati Arabi Uniti: modifiche fiscali e impatto sulla residenza a Dubai

È stata una sorpresa anche per molti lettori di Senzastato: gli Emirati Arabi Uniti non sono più esenti da imposte.

Una residenza a Dubai (in questo articolo Dubai viene spesso utilizzata come termine rappresentativo di tutti gli Emirati Arabi Uniti) può comportare una tassazione. Ma non è detto che sia così.

Ecco perché abbiamo scritto questo articolo per riassumere le modifiche attuali e trovare possibili soluzioni a questo problema.

Molti sembrano non conoscere le implicazioni della riforma fiscale negli Emirati Arabi Uniti, sia positive che negative.

A prima vista, l‘annuncio dell’introduzione di un’imposta sulle società del 9% non è stato degno di nota. Non essendo ancora noti i dettagli, si pensava che l’imposta sarebbe ricaduta esclusivamente sulle aziende locali del continente.

I sette emirati non lo fanno necessariamente per mancanza di denaro, ma per le pressioni internazionali.

L’inserimento di nuovo nella lista nera della giurisdizione sarebbe fatale per molti suoi cittadini e aziende.

Inoltre, in molti casi, gli accordi di non tassazione si applicano attualmente solo ai cittadini emiratini e non ai residenti stranieri. La speranza è che questa situazione cambi con le modifiche apportate.

Purtroppo si sono verificati due eventi che molti non potevano prevedere:

  • In primo luogo, la struttura dell’imposta sulle società è molto più ampia di quanto si pensasse inizialmente.
  • In secondo luogo – e questo è particolarmente curioso – la maggior parte dei residenti a Dubai diventa improvvisamente residente fiscale, spesso senza rendersene conto.

Ciò significa che sono soggetti a un’imposta sul reddito delle società estesa, anche se vi soggiornano solo per 1-2 settimane all’anno.

La modernizzazione e la liberalizzazione di Dubai, in particolare, hanno avuto il loro peso: leggi e regolamenti sempre nuovi tolgono sempre più fascino all’Emirato.

Resta da vedere se questo non porterà a un esodo nel prossimo futuro. Dopo tutto, un onere fiscale del 9% – per quanto piccolo possa sembrare a molti – è possibile anche in molti Paesi dell’Unione Europea a costi significativamente inferiori, se si vuole davvero avere una residenza di base.

Nuove regole per la residenza fiscale negli Emirati Arabi Uniti

Finora gli EAU non avevano una definizione chiara di residenza fiscale nelle loro leggi. Inoltre, non esisteva una base giuridica per i certificati di residenza fiscale.

Di norma, venivano rilasciati solo su richiesta, con la prova dell’alloggio e di 183 giorni di residenza. Ora la situazione sta cambiando in modo significativo.

Resta da vedere se la definizione molto più ristretta di residenza fiscale sarà un vantaggio o uno svantaggio.

I residenti negli EAU possono ora richiedere un certificato fiscale online a condizioni chiare e chiunque sarà in grado di dimostrarlo con relativa facilità.

Si tratta di uno sviluppo molto positivo per gli emigranti provenienti da molti Paesi ad alta tassazione, che ora possono facilmente dimostrare alle autorità del loro Paese d’origine una nuova residenza fiscale.

Attualmente gli italiani non hanno bisogno di questo certificato quando emigrano, ma averlo può evitare problemi quando si rientra dopo un breve periodo di tempo.

La residenza fiscale negli EAU, secondo le nuove leggi, è ora attivata solo da uno dei seguenti criteri:

  • un appartamento disponibile in modo permanente negli Emirati Arabi Uniti, sia in affitto che in proprietà
  • Soggiorno di 90 giorni se si è in possesso di un permesso di soggiorno o di una società locale
  • 183 giorni di soggiorno per tutti

Rispetto alla situazione iniziale, si tratta di cambiamenti sostanziali che renderanno improvvisamente molte persone soggette all’imposta.

Anche un appartamento in affitto può ora essere potenzialmente problematico.

Oppure può avere immensi vantaggi. Tutto dipende dall’applicazione finale di queste modifiche alla legge.

È molto probabile che gli Emirati Arabi Uniti vogliano solo rendere più facile l’ottenimento dei certificati di residenza fiscale, piuttosto che essere in grado di tassare ogni potenziale residente.

Chiunque soddisfi i criteri di cui sopra può facilmente richiedere tale certificato online. In questo modo, ovviamente, si ammette la responsabilità fiscale personale in loco.

È discutibile il trattamento riservato alle persone che non hanno bisogno di tale certificato di residenza e quindi non lo richiedono.

Gli Emirati li tasseranno?

Lo Stato può davvero controllare l’attivazione di un obbligo fiscale?

A lungo termine, avrete poche possibilità di fuga. Gli Emirati sono un moderno stato di sorveglianza e i residenti possono essere rintracciati molto facilmente attraverso la loro carta d’identità emiratina.

Qualsiasi inquilino o proprietario di una dimora a lungo termine è facilmente rintracciabile attraverso il sistema Ejari – dal momento che, senza Ejari, non si dispone di elettricità, acqua, gas e simili.

Se la semplice disponibilità di un appartamento comporta già una residenza fiscale, è facile chiedere a questi gruppi di persone di presentare la dichiarazione dei redditi.

Se non avete la carta d’identità emiratina o preferite non averla, potete in alternativa affittare appartamenti a breve termine negli Emirati. Si tratta di un’opzione decisamente più costosa e soggetta a tassazione separata, ma che consente di evitare la burocrazia.

Anche questi appartamenti, tuttavia, potenzialmente rientrano già nella definizione di residenza fiscale.

Solo chi vive stabilmente negli alberghi locali può richiedere la residenza fiscale per un massimo di 3 mesi come residente e 6 mesi come non residente.

È importante notare che un’attività commerciale locale porta comunque all’imputazione di una residenza fiscale in 3 mesi.

La popolare residenza proforma negli Emirati Arabi Uniti dovrebbe quindi essere analizzata nuovamente per la vostra situazione. Se si entra nel Paese solo una volta ogni 180 giorni, si può ancora semplicemente evitare di far scattare la residenza fiscale.

Tuttavia, questo solleva sempre più la questione se abbia senso o meno, perché i conti bancari più interessanti, sia a livello locale che globale, possono essere aperti solo con un indirizzo negli Emirati, per i quali è obbligatoria la residenza negli Emirati.

Per la maggior parte delle persone, ottenere un conto puramente privato negli Emirati Arabi Uniti non vale il costo e lo sforzo di ottenere un ID emiratino. Anche il visto, che ora è valido solo per due anni, è di scarsa utilità.

In ogni caso, è prevedibile che la spirale normativa continui a girare. Probabilmente anche l’attuale pratica di sponsorizzazione attraverso una società inattiva sarà presto limitata.

Per ottenere e mantenere l’identità emiratina è necessario un minimo di vendite o di salario reale. E con questo si torna praticamente alla responsabilità fiscale personale dovuta all’attività commerciale locale.

Accordi di non imposizione e residenza fiscale negli Emirati Arabi Uniti

Naturalmente, gli accordi di non imposizione fiscale nel mondo influenzano queste definizioni di residenza fiscale.

Tuttavia, è essenziale garantire che questi accordi (DTT) vengano effettivamente applicati.

Molti DTT degli EAU contengono una clausola che esclude i cittadini stranieri dal loro utilizzo.

Se esiste un DTT valido con il vostro attuale luogo di residenza fiscale, un appartamento a vostra disposizione o un soggiorno di 90 giorni a Dubai, Abu Dhabi ecc. non porta certamente alla residenza fiscale.

Senza la modifica delle DTT, solo un soggiorno superiore a 183 giorni può essere pericoloso. Chi vive in Svizzera o in Austria e ha investito in appartamenti a Dubai, ad esempio, può certamente utilizzarli per soggiorni occasionali.

L’accordo di non imposizione fiscale li protegge. Questo viene annullato o da un soggiorno superiore a 183 giorni negli EAU – con conseguenze potenzialmente spiacevoli, come l’attivazione della tassazione in uscita. Oppure la cancellazione della residenza fiscale in tali Paesi, in quanto ciò elimina la protezione del trattato.

Chi ha appartamenti non affittati negli Emirati Arabi Uniti dovrebbe assolutamente prenderne atto.

Avrete un certo periodo di tempo per trovare inquilini o acquirenti per il vostro appartamento, anche se è vuoto. Ma questo non funzionerà per sempre nel lungo periodo.

Resta da vedere quanto rigorosamente Dubai applichi la residenza fiscale, soprattutto attraverso la disponibilità di alloggi.

  • Solo un certificato di residenza fiscale di un paese convenzionato protegge la residenza fiscale?
  • Oppure è sufficiente, come in molti Paesi, dimostrare che la residenza principale di una persona è in un altro Paese?
  • Gli Emirati Arabi Uniti chiederanno immediatamente a tutti gli inquilini e ai proprietari di appartamenti di pagare le tasse?

Poiché prima non c’era praticamente nessuna amministrazione fiscale, è improbabile che gli Emirati adottino immediatamente una linea molto dura.

Probabilmente loro stessi sapranno che gran parte del loro recente successo è dovuto alle esenzioni fiscali locali.

Con il costo della vita già elevato, la tassazione rende lo Stato desertico notevolmente meno attraente per molti imprenditori. Ci sono tantissimi altri Paesi in cui è possibile vivere senza tasse.

Tuttavia, vi consigliamo – se non volete una residenza fiscale – di lasciare i vostri appartamenti a persone di fiducia durante l’anno o di annullare immediatamente i contratti.

L’identità emiratina e la residenza stessa possono essere mantenute, ma la domanda che è già stata posta è quale sia l’obiettivo.

Probabilmente è meglio lasciare scadere la residenza e cercare una residenza conforme più attraente.

È possibile che la riforma fiscale degli EAU sia molto più rilassata di quanto ci aspettiamo. Sulla base delle leggi approvate, la cautela è giustificata.

Ma l’effettiva applicazione di queste leggi è una questione di tempo e risorse. Entro il 2023, si può tranquillamente prevedere che verranno perseguiti solo i casi più evidenti.

La registrazione fiscale delle grandi società esistenti a Dubai e Abu Dhabi consumerà probabilmente la maggior parte delle risorse nel 2023.

La legge in discussione entrerà in vigore a giugno e non sarà applicata retroattivamente. Stiamo ora discutendo su quali siano esattamente queste conseguenze.

Limitiamoci a ciò che è importante e non entriamo nei dettagli. Potremmo scrivere molto sulla determinazione del reddito e sulla deducibilità, ma questo è in gran parte rilevante e interessante solo per le grandi aziende. L’obiettivo è quello di fornire una panoramica delle conseguenze più importanti!

Conseguenze legali della tassazione in caso di residenza fiscale negli Emirati Arabi Uniti

Ma Dubai è ancora esente da imposte sul reddito? Nelle ultime settimane abbiamo sentito continuamente commenti di questo tipo. In realtà, negli Emirati non c’è mai stata un’imposta sul reddito delle persone fisiche e ufficialmente non è prevista.

Personalmente, temo che l’imposta sul reddito delle società, di cui si è parlato qui, sarà estesa ai redditi dei dipendenti nei prossimi 3 anni. Una volta istituita un’amministrazione fiscale, non ci sarà fine all’avidità dello Stato.

Nuove tasse sono quindi solo una questione di tempo. L’imposta sulle vendite del 5% introdotta per la prima volta nel 2018 negli Stati del CCG manda i suoi saluti.

L’introduzione di un’imposta del 9% sul reddito delle società confonde la maggior parte degli osservatori.

Perché non si tratta di tassare una società come una società del continente.

L’imposta sul reddito delle società incide anche sul reddito delle persone fisiche, se si tratta di redditi commerciali.

Ogni lavoratore autonomo a Dubai deve pagare le tasse sul proprio reddito secondo gli stessi standard di una società.

E anche la maggior parte dei proprietari di attività commerciali in zona franca non è al riparo, come spesso si pensa. Ma di questo parleremo più avanti.

Prima di tutto, le buone notizie sulla nuova imposta sulle società: si prevede un’esenzione di

375.000 AED per le piccole imprese e i lavoratori autonomi.

Questa cifra è di poco inferiore a 100.000 euro ed è una somma con cui si può vivere bene a Dubai.

La seconda buona notizia è che gli stipendi e le plusvalenze rimangono esenti da imposte. E, naturalmente, uno stipendio esente da imposte può ridurre gli utili imponibili di un’azienda.

Tuttavia, non potrete certamente dedurre tutti i vostri profitti dal vostro stipendio. Le linee guida esatte sono ancora aperte qui.

Tuttavia, si può tranquillamente ritenere che fino a un importo di circa 350.000 euro non si debba pagare alcuna imposta a Dubai.

Stipendi di 20.000 euro al mese non sono certo rari a livello locale. Con il tempo, tuttavia, è lecito aspettarsi che stipendio e dividendi siano ragionevolmente proporzionati l’uno all’altro.

I dividendi sono esenti da imposte negli EAU, così come tutti gli altri tipi di reddito da investimento e le plusvalenze. Questo vale anche per le società che ricevono dividendi dalle filiali.

Per i trader puri e gli investitori di ogni tipo che non sono coinvolti in attività commerciali, questo può avere vantaggi piuttosto significativi.

I vantaggi della riduzione della ritenuta d’acconto attraverso le numerose DTT degli EAU sono ora più probabili con una residenza fiscale molto più facile.

Sono interessati solo coloro che gestiscono e controllano effettivamente un’azienda di Dubai.

Tuttavia, ciò non riguarda solo gli imprenditori individuali in loco e gli azionisti di società nelle zone di libero scambio e nel continente. Anche tutte le società all’estero sono interessate dal potenziale cambiamento, a condizione che siano residenti fiscali.

Secondo gli standard applicabili a livello internazionale, anche negli Emirati Arabi Uniti si applica una regola di direzione effettiva, come nei Paesi dell’UE. La questione principale è il rigore con cui viene effettivamente applicata.

Molti Stati, consapevolmente o inconsapevolmente, chiudono un occhio su questo punto.

È necessario un vero e proprio substrato economico, è sufficiente un amministratore o non è nemmeno necessario adottare alcuna misura? Lo scopriremo solo nei prossimi mesi.

Se siete residenti negli Emirati Arabi Uniti ed esistono registri commerciali pubblici nel Paese in cui avete la vostra società, vi consigliamo, come minimo, di non figurare più come amministratore di tali società attraverso l’uso di fiduciari. In questo modo non ci sarebbero dubbi, almeno a prima vista, sul fatto che l’attività non viene gestita dagli EAU.

Occorre inoltre considerare le conseguenze indirette dell’imposta sulle società. Anche se non si devono pagare le tasse: lo sforzo aggiuntivo della contabilità e della dichiarazione dei redditi esiste in ogni caso.

Senza eccezioni, ogni zona franca precedentemente esente da contabilità deve ora preparare e depositare i conti. Anche le aziende completamente inattive devono presentare una dichiarazione dei redditi.

Pertanto, come già accennato, è probabile che vengano smascherate le società che non svolgono alcuna attività reale e che venga bloccata la concessione di visti di soggiorno a tali azionisti.

Come minimo, ci sarà un costo aggiuntivo elevato per la preparazione di tali conti e dichiarazioni fiscali. La lobby dei commercialisti e dei revisori dei conti degli Emirati Arabi Uniti sarà soddisfatta.

In linea di principio, ogni persona fisica attiva a livello commerciale dovrà presentare anche una dichiarazione dei redditi. Le attività autonome occasionali potranno rimanere esenti da imposte fino a 100.000 euro, ma non saranno esenti da obblighi burocratici.

Il Perpetual Travelling con brevi soggiorni in hotel a Dubai tornerà quindi ad essere molto attraente dopo questi cambiamenti.

Come già detto, il passo dall’imposta sulle società all’imposta sul reddito delle persone fisiche è minimo.

Tuttavia, non solo nuove tasse, ma anche un aumento di quelle esistenti o una riduzione degli importi delle esenzioni sono possibili in qualsiasi momento.

Per le grandi aziende con un fatturato superiore a 750 milioni di euro, anche negli Emirati Arabi Uniti deve essere applicata l’imposta minima concordata a livello internazionale del 15%.

Anche in questo caso, sarà solo una questione di tempo prima che ciò venga esteso alle aziende più piccole e forse anche ai singoli. Se state pianificando un soggiorno a lungo termine a Dubai, dovreste tenerne conto.

Zone di libero scambio e nuova imposta sul reddito delle società

Inizialmente si pensava che l’imposta sulle società del 9% si sarebbe applicata solo alle società locali regolamentate (società della terraferma), ma ora si sa che anche le zone franche sono

potenzialmente interessate. E molte zone franche non sembrano sapere se i loro clienti saranno tassati o meno.

È giunto il momento di chiarire la questione.

In ogni caso, tutte le Zone di libero scambio sono soggette all’obbligo di dichiarazione e contabilizzazione dell’imposta sul reddito. Questo non può essere evitato in nessun caso.

Sarà interessante vedere come verrà definita una potenziale esenzione fiscale per le zone franche. Probabilmente non ci sarà alcun tipo di vantaggio fiscale. Le aziende delle zone franche che finora sono state esenti da imposte potrebbero dover pagare un’imposta del 9% dopo aver dedotto costi e stipendi e dopo aver tenuto conto dell’importo esente di circa 100.000 USD. Ciò riguarderà in particolare Le società delle zone di libero scambio che:

  • sono semplici società di comodo, cioè non hanno una base operativa a Dubai (un flex office non sarebbe sufficiente per evitarlo);
  • il cui obiettivo commerciale è quello di fatturare alle proprie aziende (anche UBO)
  • Non sono conformi agli standard OCSE sui prezzi di trasferimento (ad esempio, l’importo del salario deducibile gioca un ruolo importante).
  • che non si qualificano come “zona franca qualificata” per altri motivi

La definizione di “zona franca qualificata” non è ancora stata resa nota dalle autorità.

Ciò che è certo, tuttavia, è che solo alcune licenze beneficeranno di un’esenzione fiscale illimitata se i dipendenti a tempo indeterminato sono impiegati localmente negli Emirati Arabi Uniti.

La maggior parte dei lettori di questo blog probabilmente non sarà tra questi. Questo perché le società di recapito, spesso con l’obiettivo di fatturare alla vecchia società nel paese d’origine, sono il modello di impiego comune a Dubai, se si ricorre alla società.

Tutti i proprietari di società di comodo dovrebbero tenere d’occhio l’evoluzione di ciò che conta come reddito ammissibile, soprattutto se prevedono di superare di molto l’importo dell’esenzione, che probabilmente sarà di 375.000 AED.

Tuttavia, dato che molti non arriveranno a quella cifra dopo aver dedotto i costi operativi e gli stipendi, per ora si tratta di una questione di cautela. A lungo termine, tuttavia, la questione è se mantenere la struttura di Dubai o passare a una soluzione internazionale più semplice.

LLC americana domiciliata a Dubai – o meglio, no?

La soluzione internazionale più semplice è di solito la LLC americana, che spesso consigliamo, più una licenza di residenza negli Emirati Arabi Uniti.

Un modello comune per i residenti proforma e permanenti degli EAU è quello di sponsorizzarsi attraverso una società inattiva della zona franca, ma di condurre la propria attività attraverso una LLC.

Rispetto al costo di un visto di residenza di una zona franca, i costi aggiuntivi sono minimi. Per soli 2000 dollari nei primi 12 mesi, è possibile costituire una LLC statunitense pienamente operativa direttamente tramite Senzastato.

I vantaggi rispetto alle zone franche non sono solo dovuti alla riduzione dei costi e all’esenzione

da tasse e contabilità. Una delle sfide crescenti per le zone franche è la disponibilità di conti aziendali.

Senza una vera casa negli Emirati, qui non ci sono quasi opzioni. Spesso si opera solo attraverso costosi intermediari con “sussidi alla motivazione” per i banchieri.

Questo perché le normali banche online come Wise funzionano per le LLC americane, ma non per le società degli Emirati Arabi Uniti.

Ciò riguarda anche i più diffusi fornitori di servizi di pagamento come Stripe (attualmente solo per le aziende continentali), Paypal e molti altri.

La scelta di opzioni di pagamento è molto più ampia per le LLC e la loro apertura è meno complicata.

Anche il riconoscimento delle LLC americane è superiore a quello delle zone franche. Ogni Stato degli USA dispone di un registro commerciale pubblico da cui è possibile ricavare almeno la ragione sociale.

Le zone franche di Dubai, invece, sono per lo più completamente anonime perché non esiste un registro commerciale pubblico. Tuttavia, questo ci fa giustamente sospettare di avere a che fare con un’azienda reale.

Come Paese ad alta tassazione e potenza mondiale, gli Stati Uniti godono semplicemente di una reputazione migliore rispetto a Dubai, il paradiso fiscale che finora è stato ampiamente condannato.

Anche con l’introduzione dell’imposta sul reddito delle società, è improbabile che questa situazione cambi. L’elevata pressione fiscale negli Stati Uniti avvantaggia le LLC nel modello delle Disregarded Entity, in quanto, se utilizzate correttamente, rimangono completamente esenti da imposte e contabilità.

Le aziende della Zona franca possono, in molti casi, continuare a non pagare le tasse sui redditi più bassi, ma ci sarà sicuramente un onere aggiuntivo in termini di tempo e costi per la contabilità e la dichiarazione dei redditi.

Chi preferisce rinunciare alla propria sede a Dubai in vista dei cambiamenti, può facilmente trasferire la propria società in una LLC americana. Contattateci se non volete avere a che fare con la burocrazia degli Emirati!

L’esenzione fiscale della LLC non richiede un domicilio esente da imposte: come italiano, ad esempio, è sufficiente non avere un domicilio fiscale dopo l’uscita definitiva.

Emigrare senza immigrare. Chi entra in un sistema statale accetta innumerevoli svantaggi senza ottenere grandi vantaggi.

E sempre più persone possono facilmente immaginare di trascorrere del tempo in 2-3 località diverse o più all’anno. La conformità è un problema, ma non se si sa come soddisfare tutte le richieste delle istituzioni finanziarie e della società senza far scattare una vera e propria residenza fiscale.

In alcuni casi, tuttavia, potrebbe essere sensato trarre vantaggio dalla maggiore facilità di residenza fiscale a Dubai con l’uso di una LLC, specialmente con la potenziale rinegoziazione degli accordi di non tassazione a favore dei residenti emiratini.

In alcuni casi, tuttavia, potrebbe essere sensato utilizzare una LLC per beneficiare della residenza fiscale a Dubai, ora che è più facile da ottenere. Chi teme che il proprio Paese d’origine possa continuare a trattarlo come residente fiscale se non acquisisce un’altra residenza, può tutelarsi acquisendo la residenza fiscale negli EAU.

Quindi… la LLC non è tassata a Dubai se siete residenti fiscali?

Anche la risposta a questa domanda non è semplice, poiché non è ancora chiaro quanto gli EAU applicheranno rigorosamente la sede di gestione effettiva e come tratteranno la LLC a fini fiscali. È molto probabile che gli EAU, come molti altri Stati, seguano la definizione di LLC come società di capitali.

In genere si verificherebbe un hybrid mismatch come in molte altre giurisdizioni: si beneficia della trasparenza fiscale di una partnership negli Stati Uniti, ma, nel Paese in cui risiedono i proprietari, la società non è considerata fiscalmente trasparente.

Pertanto, la LLC non pagherebbe l’imposta sulle società (o sul commercio) negli EAU – a patto che la sede effettiva non sia negli EAU – e i profitti (dividendi) ricevuti dalla LLC sarebbero esenti da imposte anche in base alle nuove leggi.

Pertanto, coloro che attivano una residenza fiscale a Dubai – intenzionalmente o meno – dovranno solo assicurarsi che gli EAU non possano imputare loro una stabile organizzazione locale. È molto probabile che ciò avvenga nominando un altro manager nel Paese appropriato, dove l’esistenza di una stabile organizzazione non è problematica dal punto di vista fiscale.

D’altra parte, è anche possibile svolgere la propria attività al di fuori degli EAU per la maggior parte dell’anno, anche se si acquisisce la residenza fiscale perché si è affittato o acquistato un immobile negli EAU. Tuttavia, dovrete essere in grado di dimostrare che i servizi non sono stati forniti negli EAU.

Anche se il substrato commerciale straniero di una LLC non è riconosciuto o è trattato come una società di persone, si applicano le stesse regole delle società locali, che sono più sfavorevoli sotto molti aspetti.

Tali regole sono le seguenti: nessuna imposta sulle società sarà dovuta sui profitti fino a 100.000 dollari USA. In realtà, gli importi saranno molto più alti grazie alla deducibilità fiscale degli stipendi. Tuttavia, la contabilità della LLC diventerebbe inevitabile.

Per tutti questi motivi, la LLC rimane nella maggior parte dei casi un fantastico complemento alla residenza fiscale negli EAU. Anche l’attivazione di una residenza fiscale locale non è così problematica come potrebbe sembrare a prima vista. In effetti, ci sono notevoli vantaggi nel caso in cui si debba dimostrare la propria residenza all’estero rispetto al proprio Paese d’origine.

D’altra parte, se non è necessario dimostrare la residenza all’estero, vale la pena chiedersi se non sia meglio rinunciare al permesso di residenza negli EAU e rimanere un Turista Perpetuo.

Dopotutto, esistono residenze molto meno complicate per i Viaggiatori Permanenti, come ad esempio in Paraguay o a Panama, sempre che sia necessario averne una.

Attualmente, le LLC possono essere costituite senza alcuna prova di residenza – e persino alcune banche lavorano senza verificare la residenza. Se siete interessati a questo modello, contattateci.

La nuova imposta sul reddito delle società degli EAU: conclusioni e raccomandazioni per l’azione

Come sempre, l’introduzione di nuove tasse è un’arma a doppio taglio. Anche se il 9% è troppo per noi, possiamo ammettere che un certo carico fiscale può prevenire altri svantaggi.

Gli Emirati non saranno inseriti nella lista nera nel prossimo futuro e i nuovi accordi di non tassazione (ora che potrebbe essere introdotta la doppia imposizione) potrebbero portare benefici tangibili.

È importante distinguere tra la nuova definizione di residenza fiscale e l’introduzione del 9 per cento per diversi gruppi di persone.

In linea di principio, la nuova normativa è vantaggiosa per tutti coloro che vivono di redditi da capitale. Soprattutto, i possessori di azioni potranno presto usufruire facilmente delle riduzioni dell’imposta alla fonte con un solo appartamento negli Emirati.

Prima la soluzione più semplice era quella di trascorrere due mesi a Cipro, ad esempio.

Le plusvalenze – questo è il caso di tutti i paradisi fiscali – non saranno certamente tassate nel prossimo futuro.

Le nuove norme sono vantaggiose anche per molti emigranti provenienti da Paesi che non facilitano la partenza permanente. Questo perché di solito è necessario un certificato di residenza fiscale per fuggire da Paesi come la Spagna o la Francia.

Gli Emirati diventano così un’alternativa geniale se si vuole viaggiare piuttosto che trascorrere molto tempo in un unico luogo. Non è necessario un attico di lusso a Dubai. Una piccola stanza in un appartamento condiviso a Sharjah, per poche centinaia di euro al mese, è sufficiente per dimostrare la residenza fiscale.

E per gran parte della comunità di Senzastato, l’esenzione fiscale fino a un profitto di 100.000 euro è più che sufficiente per vivere una piacevole vita da viaggiatore perpetuo. Se necessario, potete occuparvi della contabilità.

Tuttavia, il nuovo regolamento è svantaggioso se si guadagnano più di 200.000-300.000 euro come imprenditori.

In questo caso, la tassazione al 9% è certamente equa, ma è sostanziale.

In questi casi, si dovrebbe verificare se una residenza fiscale a Dubai ha davvero senso rispetto all’opzione di non averla. Chi vuole assolutamente vivere negli Emirati dovrà pagare il prezzo corrispondente.

Anche se questo consiste solo nel creare una certa sostanza in una società estera (potenzialmente anche una LLC americana) in modo che non rientri nell’imposta locale sulle società.

Al di sopra di queste somme, tuttavia, non basta avere i mezzi per farlo: nominare un nominee manager per la LLC è sicuramente più conveniente che pagare le tasse al di sopra di questi margini di profitto. E si evita la burocrazia locale!

Coloro ai quali sono state “vendute” società dalle zone franche di Dubai per un uso reale, con o senza residenza fiscale, potrebbero fare meglio a passare a una LLC americana o ad altre giurisdizioni esenti da imposte.

È probabile che il precedente utilizzo della zona franca da parte della vostra azienda non sia considerato “qualificato” dalle autorità. Con un profitto inferiore alle sei cifre, probabilmente rimarrete comunque esenti da imposte.

Tuttavia, per molte altre considerazioni, come i costi, l’accesso ai conti e il riconoscimento, un cambio di società dovrebbe essere preso in considerazione.

Se avete, e questo è fondamentalmente ciò che abbiamo raccomandato finora, solo una società della Free Zone che sponsorizza il vostro visto, dovreste analizzare se ottenete davvero qualche beneficio dal vostro permesso di soggiorno.

A parte una seconda patente di guida e forse un conto privato in loco, si tratta di ben poco per la maggior parte dei casi.

Anche se finora è stata legale e comune, è molto probabile che in futuro la pratica di rilasciare visti delle società inattive sarà limitata.

Non sarà quindi possibile evitare il potenziale pagamento di imposte su un certo volume di affari nelle zone franche.

In ogni caso, è necessario essere attivi con una residenza fiscale a Dubai per evitare possibili sanzioni. Dovrete registrarvi per le tasse entro la fine dell’anno e dovreste iniziare a cercare un commercialista per le vostre aziende fin da ora.

Possiamo consigliarvi dei contatti negli Emirati se ne avete bisogno. Tuttavia, preferiremmo aiutarvi a continuare a godervi la vostra vita senza tasse e contabilità come viaggiatori perpetui!

Come già detto, la legge è entrata in vigore il 1° giugno 2023. Tuttavia, alcuni punti sono ancora aperti. I ministeri competenti devono ancora definire esattamente quali saranno le “zone franche qualificate” esenti da imposte.

L’importo esente da imposte di 375.000 AED è probabile, ma non ancora definitivamente confermato. Oltre alla stabile organizzazione, anche la definizione di nexus per i clienti degli Emirati Arabi Uniti potrebbe creare un problema fiscale per le società straniere. È importante tenersi aggiornati sugli sviluppi della legislazione.

Come sempre nel mondo della teoria della bandiera, alla fine tutto dipende dalla vostra situazione individuale e dai vostri desideri. La residenza fiscale ha vantaggi e svantaggi.

La residenza fiscale non è obbligatoria, anche se i rappresentanti di varie giurisdizioni (ad esempio gli avvocati ciprioti) amano rivendicarla a proprio vantaggio.

In Senzastato siamo esperti nel rispettare le normative internazionali evitando di pagare le tasse. Ci teniamo al passo con le leggi e i sistemi legali di tutto il mondo.

Il mondo offre ancora tante opportunità per vivere senza tasse, se si sa quali sono. Lasciate che vi aiutiamo, prenotando una Consulenza per l’internazionalizzazione o una delle tante altre opzioni presenti sul nostro sito.

Perché la tua vita ti appartiene!

Ti é piaciuto l’articolo? Condividilo!

team

Senzastato

Siamo un team internazionale di imprenditori, nomadi digitali e consulenti specializzati in strategie di internazionalizzazione. Ti aiuteremo non solo a preparare un piano per raggiungere i tuoi obiettivi e a chiarire i tuoi dubbi ma anche a farlo diventare realtà.

Ti potrebbe interessare…

Ti potrebbe interessare…

Page with Progress Bar

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai il nostro e-book gratuito “Introduzione all’ottimizzazione fiscale.