Ottimizzazione fiscale per i pensionati: nessuna tassa sul pensionamento

9 MIN

PUBBLICATO IL: 12/07/2023

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 12/07/2023

Pagare più tasse o emigrare?

In Senzastato parliamo solitamente di soluzioni per imprenditori e lavoratori, ma ci sono anche molti pensionati che si sono affidati alle consulenze di Senzastato per trovare il luogo perfetto per la loro pensione e ottimizzarlo dal punto di vista fiscale.

Oggi vogliamo dedicare questo articolo alle opzioni che i pensionati hanno a disposizione per vivere esentasse.

Contrariamente a quanto molti pensano, i pensionati hanno di solito le migliori opportunità di emigrare. Molti Paesi offrono programmi di immigrazione su misura a partire da un certo importo ed età di pensionamento.

Ad esempio, il Nicaragua con 500 dollari, Panama e Costa Rica con 1.000 dollari o il Belize con 2.000 dollari. Le licenze e i visti per i pensionati sono spesso più semplici ed economici da ottenere rispetto a quelli per gli investitori o gli imprenditori.

Spiaggia di Laguna de Perlas, Nicaragua.

Anche le considerazioni fiscali sono fondamentali per i pensionati, soprattutto se ricevono gran parte del loro reddito attraverso gli investimenti.

Tra i giovani imprenditori di oggi, la tendenza è in questa direzione: piuttosto che affidarsi alla truffa piramidale del sistema pensionistico obbligatorio o all’evidente fallimento dei fornitori di piani pensionistici privati, che finiscono per essere pagati più di quanto recuperano, si preferisce investire il proprio denaro.

Tuttavia, molte persone rimangono bloccate nei sistemi tradizionali e dovrebbero informarsi meglio sulle loro opzioni e sui loro obblighi. Soprattutto se si considera che non è così facile ottenere una pensione esente da imposte all’estero come lo è riscuotere i dividendi.

Chi si reca a Panama, in Malesia o in Georgia sarà di solito tassato a partire dal primo centesimo della pensione nel proprio Paese d’origine. Alcuni paradisi fiscali prevedono regimi speciali di non tassazione per evitare le imposte sulle pensioni (vedi sotto).

L’obiettivo di questo articolo è quello di spiegare la tassa sulla pensione convenzionale e come evitarla.

Non spiegheremo qui nello specifico le imposte derivanti da altre fonti di reddito in età pensionabile, come i redditi da capitale o gli affitti.

  • Nel caso di un reddito da locazione come accantonamento per la vecchiaia, non ha molta importanza dove ci si trasferisce, poiché si pagheranno sempre le tasse nel paese in cui si trova l’immobile.
  • Le cose cambiano molto se le vostre previsioni sono costituite da redditi da dividendi e plusvalenze, perché in questo caso avete molte opzioni per evitare di pagare le tasse.

Vorremmo anche sensibilizzare l’opinione pubblica sulla truffa della piramide della pensione statale che, se si iniziano a fare i conti, non solo è un pessimo affare per la maggior parte delle persone, ma costringe a pagare le tasse anche se al momento di riceverla si vive fuori dal proprio Paese.

Molti Paesi obbligano a contribuire e a destinare una parte del proprio reddito a una pensione statale, una pensione che in molti casi non verrà mai pagata.

Tipi di imposte sulle pensioni

Le imposte sulle pensioni per i residenti all’estero sono di solito effettuate sotto forma di ritenuta sul valore della pensione o della rendita. Nel caso del Brasile, ad esempio, è prevista una ritenuta del 25% sul valore della pensione per i residenti all’estero.

Ci sono altri Paesi, ad esempio, che applicano regimi differenziati. In questo caso, possiamo usare l’esempio della Germania, un Paese che tassa le pensioni in tre modi diversi e che quindi copre i modelli di tassazione applicabili alle pensioni di decine di Paesi.

Vista de una ciudad desde lo alto de un edificio

Descripción generada automáticamente Lisbona, capitale del Portogallo.

Comprendere il pagamento delle imposte previdenziali

Gli accordi di non imposizione (o di doppia imposizione) specificano esattamente quale parte riceve quale Stato, quindi non si paga mai due volte. Se le tasse sono più basse rispetto al Paese di origine della pensione, non cambia nulla nel livello di tassazione, poiché si applica ancora l’originale. Se invece sono più alte, la differenza con le imposte del Paese di origine viene tassata nel nuovo Paese di residenza.

Se vivete in un Paese a tassazione territoriale o senza tassazione diretta, la tassazione della vostra pensione non avverrà nel vostro Paese di residenza, ma solo nel Paese di origine della pensione. Un’altra alternativa è quella di risiedere in un Paese non soggetto a tassazione diretta, dove il reddito proveniente dall’estero non viene tassato finché rimane fuori dal Paese.

In breve, i pensionati possono valutare e decidere tra le seguenti opzioni.

Residenza in Paesi con trattati di non imposizione fiscale.

  • La pensione viene tassata nel Paese di origine e l’importo in eccesso nel Paese di residenza, se applicabile.
  • Interessante per chi ha pensioni elevate (e redditi da capitale)

Residenza in paesi a fiscalità territoriale

  • La pensione è tassata solo nel Paese di origine.
  • Interessante per chi, oltre alla pensione, percepisce altre entrate dall’estero.

Residenza in paesi senza imposizione diretta

  • La pensione è tassata solo nel Paese di origine.
  • Interessante per chi, oltre alla pensione, percepisce anche altri redditi, sia dall’estero che dal posto

Residenza in paesi con sistema non-dom

  • La parte della pensione che viene conservata al di fuori del Paese di residenza è tassata solo nel Paese di origine. La parte portata nel Paese di residenza è tassata localmente.
  • Interessante per chi ha un reddito e risparmi sufficienti per poter mantenere la maggior parte del proprio reddito al di fuori del Paese di residenza.

Riscuotere le pensioni esenti da imposte all’estero grazie alle convenzioni sulla doppia imposizione

Il problema principale della tassazione delle pensioni è che, da un lato, la pensione è un reddito tassato nel Paese di origine. Dall’altro lato, nella maggior parte dei casi il Paese di residenza tassa anche il reddito a livello globale.

Tuttavia, in alcuni Paesi, l’obbligo fiscale sulle pensioni può essere ridotto da un accordo di non imposizione che attribuisce al Paese di residenza la giurisdizione fiscale sulle pensioni. Tuttavia, ciò significa che la pensione è ora tassabile nei rispettivi Paesi, il che può rappresentare un vantaggio o uno svantaggio.

Tassazione dei redditi da pensione privata

Secondo le convenzioni contro le doppie imposizioni stipulate dall’Italia secondo il modello OCSE, l’articolo 18 disciplina i criteri di collegamento per la tassazione dei redditi derivanti da pensioni private. La pensione privata si riferisce alle retribuzioni ottenute attraverso l’esercizio di un’attività lavorativa per conto di enti privati, escludendo quindi il settore pubblico. In caso di trasferimento stabile all’estero del pensionato italiano che riceve redditi da pensione privata di fonte italiana e soddisfa i requisiti per la residenza fiscale estera, l’articolo 18 del modello di Convenzione OCSE stabilisce quanto segue:

Art. 18 Modello OCSE – Pensioni private

“Fatte salve le disposizioni del paragrafo 2 dell’art. 19, le pensioni e le altre remunerazioni analoghe, pagate ad un residente di uno Stato contraente in relazione ad un cessato impiego, sono imponibili soltanto in questo Stato“

In pratica, le pensioni dei lavoratori privati devono essere tassate esclusivamente nel paese di residenza fiscale del beneficiario, indipendentemente dal paese in cui sono stati accumulati i requisiti pensionistici. Riassumendo, possono essere identificati alcuni requisiti indispensabili per l’applicazione dell’articolo 18 del modello OCSE:

  1. Il pensionato italiano deve trasferire la propria residenza all’estero.
  2. Il pensionato deve ricevere una pensione “privata” dall’Italia.
  3. Deve trasferirsi in un paese con cui l’Italia ha stipulato una convenzione contro le doppie imposizioni che riflette le disposizioni dell’articolo 18 del modello OCSE.

Solo nel rispetto di tali condizioni sarà possibile ottenere l’accredito della pensione lorda all’estero e applicare solo la tassazione estera sul reddito. Come si può comprendere, è essenziale seguire correttamente la procedura di trasferimento di residenza all’estero per beneficiare di questo importante vantaggio fiscale.

Tassazione dei redditi da pensione pubblica

Secondo le convenzioni contro le doppie imposizioni stipulate dall’Italia secondo il modello OCSE, l’articolo 19 disciplina i criteri di collegamento per la tassazione dei redditi derivanti da pensioni pubbliche. La pensione pubblica si riferisce alle retribuzioni ottenute attraverso l’esercizio di un’attività lavorativa per conto di enti pubblici (lo Stato e gli enti pubblici locali). In questo caso, il pensionato italiano espatriato all’estero deve seguire le disposizioni previste dall’articolo 19, paragrafo 2, della Convenzione OCSE. In particolare:

Art. 19, par. 2 Modello OCSE – Pensioni pubbliche

“2. a) Le pensioni corrisposte da uno Stato o da una sua suddivisione politica o amministrativa o da un suo ente locale, sia direttamente sia mediante prelevamento da fondi da essi costituiti, a una persona fisica in corrispettivo di servizi resi a detto Stato o a detta suddivisione od ente, sono imponibili soltanto in questo Stato.

b) Tuttavia, tali pensioni sono imponibili soltanto nell’altro Stato qualora il beneficiario sia un residente di detto Stato e ne abbia la nazionalità senza avere la nazionalità dello Stato dal quale provengono le pensioni”

La possibilità di essere soggetti alla tassazione della pensione esclusivamente nel paese estero di residenza non si applica ai pensionati che sono stati dipendenti della Pubblica Amministrazione (pensionati ex Inpdap) emigrati all’estero. Questi soggetti sono invece obbligati a subire una doppia tassazione, sia nel paese ospitante che in Italia tramite l’applicazione delle imposte trattenute alla fonte. In sintesi, i dipendenti statali, parastatali, ex militari, finanzieri, ex dipendenti degli enti locali (comuni, province, regioni), vigili del fuoco, poliziotti o forestali non godono del privilegio della defiscalizzazione della loro pensione se risiedono all’estero.

La strategia intelligente

Alcuni esempi per ottimizzare la vostra pensione:

Spagna (Isole Canarie): Aliquote fiscali inferiori a quelle italiane, tuttavia la convenienza si riduce all’aumentare del reddito. È prevista una detrazione d’imposta pari a 6.500 euro per i soggetti con più di 65 anni, che arriva a 7.000 per i soggetti con più di 75 anni

Panama: Esenzione da imposte

Portogallo: 10 % per i primi 10 anni

Tunisia: Esenzione da imposte sul 80% della pensione con aliquota max. del 7%

Albania Esenzione da imposte

Grecia: Flat tax al 7% per un periodo di 10 anni

Cipro: 5%

Romania: 10%

Bulgaria: Esenzione da imposte

Slovacchia: Esenzione da imposte

Se desiderate che valutiamo la migliore opzione di residenza per ottimizzare le imposte sulla vostra pensione, prenotate una consulenza con noi.

Se volete valutare opzioni di emigrazione, consultate i nostri Paesi coperti per vivere all’estero, aprire società e conti offshore o ottenere una seconda cittadinanza.

Se desiderate che valutiamo la migliore opzione di residenza per ottimizzare le imposte sulla vostra pensione, contattateci o prenotate una consulenza.

E come sempre potete continuare a esplorare le opzioni offshore sul nostro blog.

Se volete essere sempre aggiornati sugli ultimi contenuti, potete seguirci su Instagram o Facebook.

Perché la tua vita ti appartiene!

Ti é piaciuto l’articolo? Condividilo!

team

Senzastato

Siamo un team internazionale di imprenditori, nomadi digitali e consulenti specializzati in strategie di internazionalizzazione. Ti aiuteremo non solo a preparare un piano per raggiungere i tuoi obiettivi e a chiarire i tuoi dubbi ma anche a farlo diventare realtà.

Ti potrebbe interessare…

Ti potrebbe interessare…

Page with Progress Bar

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai il nostro e-book gratuito “Introduzione all’ottimizzazione fiscale.