3 trappole fiscali territoriali da conoscere

16 MIN

PUBBLICATO IL: 18/03/2024

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 29/09/2023

Conoscere l’essenza della fiscalità territoriale

Un termine molto popolare nel mondo della pianificazione fiscale per i viaggiatori perpetui è tassazione territoriale. La tassazione territoriale è uno dei sistemi fiscali esistenti al mondo ed è applicata in decine di Paesi.

Tuttavia, a differenza dell’imposta sulla residenza abituale, che viene applicata al reddito mondiale, il principio di territorialità esenta il reddito estero dalla tassazione. Viene tassato solo il reddito nazionale.

Tuttavia, la tassazione territoriale non è uguale in tutti i Paesi. L’esenzione dalle imposte sul reddito estero sembra semplice, ma è soggetta a diverse interpretazioni a seconda del Paese.

Ad esempio, il reddito proveniente dall’estero può essere considerato reddito nazionale se il valore è stato generato nel Paese di origine, anche se i clienti vivono in altri Paesi.

Pertanto, l’unica possibilità di rimanere esenti da imposte con una società di questo tipo sarebbe quella di utilizzare società di facciata, che in realtà non svolgono alcuna attività nel Paese in cui sono registrate.

Una delle principali differenze è la separazione operata dal principio di territorialità tra individuo e società. Sebbene alcuni Paesi utilizzino un sistema fiscale territoriale per entrambi, molti consentono solo a una società o a un individuo di pagare l’imposta territoriale.

Bisogna fare molta attenzione a non cadere in una trappola fiscale. Questo articolo si propone di riassumere le principali eccezioni relative alla tassazione territoriale per evitare di commettere questo errore.

Tassazione territoriale di persone e società

La grande differenza con il principio di territorialità è la distinzione tra persone fisiche e giuridiche, come le società commerciali o le fondazioni. In molti Paesi, la tassazione territoriale si applica solo a uno dei due livelli, mentre l’altro è regolato dal principio di residenza. Commettere un errore a livello personale o aziendale, e viceversa, può facilmente portare a errori molto costosi.

Imagem de documentos fiscais  e livros sobre impostos

Naturalmente, ci sono anche Paesi che conoscono la tassazione territoriale, sia a livello aziendale che personale. Tra questi vi sono, ad esempio, diversi Paesi dell’America Latina noti per la creazione di domicili e imprese, come Panama, Costa Rica e Paraguay. Un esempio:

  • A Panama, anche un dividendo di una società locale distribuito da un reddito estero esente da imposte è esente da imposte per i residenti del Paese, anche se in realtà si tratta di un reddito nazionale che sarebbe altrimenti tassabile.
  • Esistono delle eccezioni a questa regola. La Georgia, ad esempio, esenta i redditi esteri dalla tassazione per le persone fisiche.
  • Sebbene nel caso delle società commerciali regolari non vi sia un’imposta territoriale, si applica il modello estone di un’imposta societaria differita del 15% sulla distribuzione dei dividendi. ‍‍

Il reddito estero a livello societario è esente da imposte solo se le aziende IT richiedono una “Virtual Zone Licence”. La situazione è simile nella maggior parte dei Paesi asiatici a tassazione territoriale, come Thailandia, Malesia e Filippine.

Mentre le zone franche della Thailandia o il paradiso fiscale di Labuan in Malesia offrono diverse opzioni di ottimizzazione fiscale, la stessa tassazione territoriale è limitata all’individuo. È anche opportuno combinare una residenza locale con una società estera, come una partnership negli Stati Uniti o in Canada.

Nel caso di LLC americane o LP canadesi, anche la tassazione territoriale è un’opzione da considerare. Tuttavia, in senso stretto, si tratta del concetto di tassazione “a flusso diretto”, ossia l’imposta viene pagata al domicilio fiscale di ciascuno dei partner.

Il reddito nazionale è tassabile solo in determinate circostanze, ad esempio, nel caso degli Stati Uniti, se un dipendente americano genera valore aggiunto sul territorio nazionale (Dependent Agent). Per questo motivo, in questi Paesi le società di persone sono praticamente esenti da imposte se la residenza privata dei partner è tassata territorialmente o semplicemente non è tassata affatto.

Oltre a un gran numero di Paesi dell’America Latina, le opzioni più popolari sono la Georgia, la Thailandia e la Malesia.

D’altra parte, i Paesi asiatici come Hong Kong e Singapore stanno facendo l’esatto contrario. I contribuenti sono soggetti a una tassazione illimitata del loro reddito mondiale.

Tuttavia, chiunque costituisca una società locale può, in determinate circostanze, percepire il reddito estero in esenzione d’imposta. Tutto dipende da dove è stato generato il valore aggiunto del reddito estero.

Se il servizio viene prestato principalmente nel territorio nazionale, si applica la consueta imposta sulle società. Se invece il lavoro viene svolto al di fuori dello Stato, il reddito è esente da imposte. Una spiegazione più dettagliata di questo principio è riportata nell’ultimo capitolo.

Un altro Paese interessante a questo proposito è, ad esempio, Gibilterra. Questa piccola penisola sulla punta meridionale della Spagna, che appartiene ancora al Regno Unito, applica generalmente le imposte di soggiorno.

Tuttavia, nell’ambito di uno speciale programma di residenza, è prevista un’imposta forfettaria massima di poco meno di 29.000 sterline di natura personale (ma anche un’imposta minima di almeno 22.000 sterline). Tuttavia, chiunque desideri costituire una società a Gibilterra (anche senza residenza) può ricevere l’esenzione dall’imposta sul reddito estero.

Anche i Paesi limitrofi del Nord Africa hanno normative simili. Pochi sanno che Marocco, Algeria e Tunisia sono paradisi fiscali a livello societario. Mentre i contribuenti di questi tre Paesi sono tassati come persone fisiche sul loro reddito mondiale, tutti i redditi esteri a livello societario sono esenti da imposte.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che parte della tassazione avviene tramite ritenute alla fonte. Inoltre, la burocrazia necessaria per la creazione di una società in questi tre Paesi tende a essere molto elevata e non è quindi un’opzione raccomandabile.

Infine, ci sono ancora una serie di eccezioni da affrontare nel contesto della tassazione territoriale.

  • Un esempio è l’Uruguay, dove la tassazione territoriale è illimitata a livello di società, ma limitata quando si tratta di residenza privata. I dividendi esteri sono tassati fino al 12%, a meno che lo Stato da cui proviene la società non applichi già una ritenuta alla fonte (uguale o inferiore).
  • In Moldavia, invece, il reddito percepito all’estero come persona fisica è generalmente esente da imposte, ma non lo è il reddito proveniente dall’estero. Quest‘ultimo deve quindi essere dichiarato ufficialmente e tassato, mentre il lavoro attivo al di fuori della Moldavia è esente da tassazione.
  • In Tailandia è bene evitare di importare nel Paese redditi esteri nello stesso anno in cui vengono realizzati i profitti. Solo i beni derivanti dai guadagni degli anni precedenti sono esenti da imposte. In linea di principio, le banche thailandesi dovrebbero preoccuparsi solo dei fondi trasferiti sul conto privato estero durante l’anno precedente.

Tuttavia, le autorità thailandesi applicano questa misura soprattutto nel caso di immigrati in pensione che vivono esclusivamente della pensione ricevuta tramite un conto thailandese.

Questi sono solo alcuni esempi degli oltre 40 Paesi del mondo che hanno una tassazione territoriale. È importante sapere in che misura il reddito proveniente dall’estero è esente da tassazione e se ci sono eccezioni da considerare. Noi di Senzastato saremo lieti di aiutarvi a rispondere alle vostre domande.

Imposizione territoriale temporanea per gli emigranti

Molti Paesi occidentali con un’elevata pressione fiscale sono interessanti anche per soggiorni di breve durata. Ad esempio, pochi sanno che è possibile vivere in esenzione fiscale per un certo periodo in Cile, Australia, Nuova Zelanda, Cina o Corea del Sud.

Il motivo è che in questi Paesi l’esenzione fiscale sui redditi esteri è legata alla durata del soggiorno nel Paese. Questo vale generalmente per tutti i non cittadini e occasionalmente anche per i cittadini che hanno vissuto all’estero per un certo periodo di tempo.

Gli immigrati che arrivano in Cile e in Nuova Zelanda sono esenti da imposte sul reddito estero rispettivamente per i primi 3 e 4 anni della loro nuova residenza fiscale. Devono pagare le imposte globali solo a partire dal quarto anno in Cile e dal quinto anno in Nuova Zelanda. In Cile, su richiesta, questo periodo può essere esteso per altri 3 anni.

Questo è interessante perché entrambi i Paesi sono molto veloci nel nazionalizzare i propri immigrati. Entrambe le cittadinanze offrono ottimi passaporti e un alto livello di esenzione dal visto, molto simile a quello europeo.

Inoltre, entrambi possono essere ottenuti virtualmente con un solo anno di pagamento delle imposte (4 anni fino alla nazionalizzazione in Nuova Zelanda, 5 anni in Cile).

L’Australia ha anche alcune norme molto interessanti per chi vuole continuare a esplorare il grande continente. Anche se trascorrete più di 183 giorni nel Paese e siete soggetti a tassazione, potreste non avere un obbligo fiscale sul vostro reddito mondiale.

Imagem de um livro sobre impostos e um óculos para leitura

Chi lavora in Australia con un visto di lavoro di categoria 400, 457 e 482 sarà tassato solo sul reddito australiano e non su quello globale.

Questo vale anche per il “Working Holiday Visa”, molto popolare tra i giovani perché consente di vivere e lavorare in Australia per 2 anni (con riserva di 3 mesi di lavoro agricolo). Anche con la residenza permanente, il reddito estero rimane esente da imposte.

Un altro esempio è la Repubblica Popolare Cinese. Molti stranieri affermano di trovare molto difficile ottenere un numero di identificazione fiscale.

Inoltre, non sono tassati sui loro redditi esteri in Cina se lasciano il Paese ogni anno per almeno 30 giorni. Si consiglia quindi di fare un mese di vacanza fuori dalla Cina ogni anno per essere esenti da imposte.

Sebbene molti Paesi asiatici abbiano già un sistema di tassazione territoriale, altri lo applicano solo per i primi anni dopo l’immigrazione. Anche Paesi ultramoderni come il Giappone e la Corea del Sud concedono agli immigrati l’esenzione fiscale sui loro redditi dall’estero per i primi 5 anni.

Tuttavia, in questi casi è importante tenere conto anche del principio del luogo di realizzazione, ossia che in pratica solo i redditi da investimenti esteri sono esenti da imposta durante i soggiorni di lunga durata.

Questo sistema è in realtà più simile a quello non-dom che a quello territoriale, poiché i redditi rimessi in questi due Paesi sono tassati, mentre i redditi provenienti dall’estero che rimangono all’estero non sono tassati.

Tassazione territoriale rigorosa o permissiva: luogo di realizzazione

Sebbene esista una tassazione territoriale sia a livello personale che aziendale, è importante definire e delimitare il reddito estero e nazionale. Questo aspetto si comprende meglio con l’esempio di Hong Kong, la cui Agenzia delle Entrate rende molto trasparente la delimitazione del reddito.

Se avete la residenza fiscale a Hong Kong, siete soggetti all’imposta sul vostro reddito globale. Tuttavia, se avete fondato lì una società, avrete la possibilità di percepire determinati redditi esteri senza pagare le imposte.

Hong Kong applica ora il principio del luogo di adempimento e di utilizzo. Se si tratta di una ditta individuale con un manager a Hong Kong, l’attività deve essere gestita e tassata da Hong Kong. Tuttavia:

  • Se il manager si reca spesso all’estero per svolgere consulenze personali o seminari in altri Paesi, il reddito generato è esente da imposte perché è stato guadagnato al di fuori del territorio di Hong Kong.
  • In definitiva, tutto dipende da dove si genera il valore aggiunto di un prodotto o di un servizio. Le aziende di Hong Kong hanno ritrovato il loro appeal grazie a banche online locali come Neat e Currenxie, che ora consentono di aprire facilmente un conto aziendale.

Tuttavia, i fondatori della società devono fare molta attenzione a non cadere in una trappola fiscale. Con ciò si intende la necessità che la società di Hong Kong sia riconosciuta dalle leggi del Paese di origine.

Normalmente, alle società di Hong Kong si applica la tassazione territoriale. Se il manager e i dipendenti sono situati al di fuori di Hong Kong, ciò significa che quella stabilita in città è semplicemente una società di comodo, il luogo di utilizzo e di esecuzione è quindi al di fuori di Hong Kong e la società non è soggetta a tassazione.

Tuttavia, a differenza delle società offshore meno regolamentate, in questo caso è necessario stabilire un sistema di contabilità mensile, che verrà verificato alla fine dell’anno finanziario.

Questo audit viene effettuato esclusivamente per verificare che il reddito contabilizzato sia realmente un reddito estero, secondo i principi di Hong Kong (per 159 euro/mese, potete ottenere un servizio di contabilità/auditing dai partner di Senzastato, che saranno lieti di creare la società per voi).

A Hong Kong è possibile richiedere il cosiddetto “status offshore” se si può dimostrare di non avere alcun tipo di rapporto commerciale all’interno del Paese.

Tuttavia, questa domanda è piuttosto difficile da compilare e, se respinta, comporta un onere fiscale sul reddito complessivo della società. Si raccomanda pertanto di gestire la società di Hong Kong attraverso un audit territoriale.

Senzastato può creare la vostra società a Hong Kong per circa 2999 euro, con costi annuali di contabilità e revisione contabile a partire da 159 euro al mese.

Tuttavia, la creazione di una sede centrale con dipendenti e manager a Hong Kong sta diventando un problema. Questa è una condizione essenziale affinché l’azienda possa operare legalmente in Paesi ad alta pressione fiscale, come Germania, Portogallo, Austria e Italia.

Poiché la maggior parte della gestione e della creazione di valore avviene da Hong Kong, il reddito estero viene considerato come reddito nazionale ed è soggetto alla consueta aliquota d’imposta sul reddito societario del 17%, mentre i primi 2.000.000 di HKD sono soggetti a un’imposta di appena l’8,5%.

Solo se i dipendenti dell’azienda si recano all’estero per seminari, consulenze, ecc. il valore aggiunto si produce all’estero e il reddito è esente da imposte.

Vale quindi la pena di creare una società a Hong Kong, soprattutto se si tratta di una società di comodo. In tutti gli altri casi, bisogna studiare attentamente il da farsi.

Questa normativa non esiste solo a Hong Kong, ma anche nella maggior parte degli Stati con tassazione territoriale in forme diverse. Ad esempio, se un avvocato panamense si fa pagare per aiutarvi a stabilire la vostra residenza, dovrà pagare le tasse per questo.

Se invece percepite un reddito da un investimento all’estero, sarete anche esenti da imposte. Pertanto, a priori, si deve sempre tenere conto del luogo di adempimento o di prestazione di qualsiasi servizio.

Quando un servizio personale viene svolto nel territorio dello Stato corrispondente, il risultato è ovvio. Tuttavia, nel caso di prodotti venduti virtualmente o di coaching online, la situazione è complicata.

Imagem de um documento fiscal e uma calculadora

Secondo le leggi fiscali di molti Stati fiscali territoriali, tutto dipende, ad esempio:

  • L’ubicazione del server dei siti su cui vengono venduti questi prodotti digitali. Se il server si trova al di fuori del Paese, il reddito del sito è esente da imposte.
  • La situazione si ripete nel caso di plusvalenze e dividendi ottenuti tramite conti di intermediazione in altri Paesi. Se il conto è situato in un Paese terzo, il reddito derivante dal conto è esente da imposte.

Ma cosa succede se voi, residenti in Paraguay con una presenza locale, conducete una sessione di coaching online con un cliente dell’Italia? Dipende in gran parte dalle norme che regolano ciascun Paese. Sebbene il servizio sia fisicamente fornito in Paraguay, si tratta di un servizio che il cliente sfrutta al di fuori di questo Paese.

In generale, e soprattutto se si è stranieri, questo reddito è esente da imposte, ad esempio a Panama e in Paraguay. Va inoltre ricordato che la residenza fiscale si attiva solo dopo 183 giorni di permanenza nel Paese.

Sebbene sia possibile presentare volontariamente la dichiarazione dei redditi dopo aver trascorso alcuni giorni nella nuova casa, non si è obbligati a farlo.

Alcuni Paesi, come Hong Kong e Singapore, analizzano attentamente ogni caso. Ogni caso deve essere valutato in modo indipendente in base al luogo di adempimento e alle prestazioni. Le autorità fiscali di Hong Kong, influenzate dalle decisioni dei tribunali prese nel corso degli anni, esaminano i seguenti fattori:

Natura del reddito

Non conta solo l’origine dei profitti, ma anche la natura del reddito e le transazioni ad esso associate. Non sempre si applica un ipotetico quadro universale.

Luogo di produzione del reddito

La cosa principale è vedere come e dove il contribuente genera il proprio reddito. Si tratta sempre di generare un valore concreto per un reddito specifico. Questo reddito deve essere attribuito a una persona specifica dell’azienda, sia essa a Hong Kong o all’estero.

Attività occasionali o preparatorie

L’attività rilevante deve essere considerata nel contesto delle altre attività. Si tratta solo del valore aggiunto di un determinato reddito, e non di altre attività connesse al suo svolgimento (preparatorie o occasionali).

Gestione effettiva

Il luogo in cui la società è gestita è solo uno dei diversi fattori da considerare. Di norma, però, non è determinante, poiché spesso il management si occupa solo di compiti amministrativi piuttosto che della creazione di valore.

Ricavi lordi delle transazioni

I benefici nazionali ed esteri devono essere considerati nel contesto complessivo del reddito totale.

Filiali in tutto il mondo

Il fatto che una filiale al di fuori di Hong Kong rispetti normalmente il principio di territorialità non implica che tutte le società di Hong Kong senza una presenza all’estero siano automaticamente soggette a imposta.

Tuttavia, il fatto che gli uffici, i dirigenti e i dipendenti siano situati esclusivamente a Hong Kong può, in linea di principio, essere considerato come elemento che crea un obbligo fiscale a livello mondiale.

In breve, si può dire che tutto ciò che avviene all’interno di Hong Kong è tassabile a Hong Kong. Ciò include il reddito derivante dall’affitto e dalla vendita di proprietà in loco, la vendita di azioni e altri effetti attraverso una borsa valori di Hong Kong o i diritti di licenza di diritti o brevetti registrati o utilizzati a Hong Kong.

Normalmente, i servizi sono imponibili solo se sia il cliente che il fornitore di servizi sono fisicamente situati a Hong Kong. Se il fornitore di servizi si trova a Hong Kong ma il cliente è lontano, sarà molto importante determinare il tipo di servizio.

Quando, ad esempio, i server operano in remoto e non sono situati a Hong Kong, questo servizio è esente da imposta. In linea di principio, e in conformità con il principio di territorialità, anche le consulenze online sono esenti da imposta, a condizione che il resto delle attività commerciali non sia diretto esclusivamente a una consulenza completa in loco.

Nel mondo dell’e-commerce di Hong Kong, l‘importante non è dove i prodotti vengono venduti, ma dove vengono fabbricati. I prodotti fabbricati a Hong Kong devono essere tassati anche per la vendita.

Tuttavia, se i prodotti vengono spediti dalla Repubblica Popolare Cinese e soddisfano i requisiti, sono esenti da imposte. Se, oltre alle società di Hong Kong, espandiamo la nostra sede nella Cina continentale, dobbiamo sottoscrivere i relativi contratti. In questo caso, l’approccio più comune è quello di tassare il 50% dei profitti a Hong Kong, mentre il resto rimane esente da imposte.

In caso di dubbio, si consiglia di rivolgersi alle autorità fiscali e a un consulente fiscale specializzato nel settore, poiché alcuni casi possono essere difficili da risolvere. La “Risoluzione anticipata” può essere richiesta a Hong Kong.

Potete trovare maggiori informazioni sul principio di territorialità a Hong Kong sul sito web dell’ufficio fiscale locale.

In caso di dubbio, rivolgersi a un professionista

La tassazione territoriale è quindi un modello di pianificazione fiscale molto interessante, valido sia per le società che per le persone fisiche, ma deve essere affrontato con cautela. I redditi provenienti dall’estero non sono sempre esenti da imposte, ma sono soggetti a determinate condizioni a seconda del Paese.

Se siete interessati a uno dei Paesi a fiscalità territoriale, prenotate una consulenza con noi per valutare quale sia il più adatto a voi.

Come sempre, potete continuare a esplorare le opzioni offshore sul nostro blog.

Se volete essere sempre aggiornati sugli ultimi contenuti, potete seguirci su Instagram o Facebook.

Perché la tua vita ti appartiene!

Ti é piaciuto l’articolo? Condividilo!

team

Senzastato

Siamo un team internazionale di imprenditori, nomadi digitali e consulenti specializzati in strategie di internazionalizzazione. Ti aiuteremo non solo a preparare un piano per raggiungere i tuoi obiettivi e a chiarire i tuoi dubbi ma anche a farlo diventare realtà.

Ti potrebbe interessare…

Ti potrebbe interessare…

Page with Progress Bar

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai il nostro e-book gratuito “Introduzione all’ottimizzazione fiscalee un buono sconto di 10 $.